Martedì 16 Gennaio 2018
REGISTER
Tre recite straordinarie della commedia L’ultimo Scugnizzo di Raffaele Viviani con Nino D’Angelo PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Micio Fausto   
Mercoledì 10 Gennaio 2018 16:25

Dopo l’ultima rappresentazione programmata di lunedì 8 gennaio, alle 21, sono previste quindi le nuove date di venerdì 12 e sabato 13, alle 21, e di domenica 14, alle 18.

A distanza di dieci anni dall’ultima volta, D’Angelo riveste quindi i panni di ‘Ntonio Esposito, lo scugnizzo, «cresciuto alla scuola della strada, dove si passa senza esami», che, nell’imminenza di diventare padre, sente la responsabilità di trovare un’occupazione qualsiasi per sposare la ragazza incinta e dare uno stato civile al bambino atteso.

Per questo spettacolo il teatro ha predisposto un servizio di navetta gratuito da e per il garage convenzionato Quick parking san Francesco, nella piazza san Francesco di Paola dove aveva sede la Pretura, a ridosso di porta Capuana.

Lo spettacolo è prodotto da Immaginando e Pragma, in collaborazione con la fondazione Campania dei festival, con il finanziamento della Regione Campania.

«È particolarmente emozionante interpretare il personaggio dello scugnizzo Esposito nelteatro del popolo di Forcella, che si trova proprio a due passi dalla ruota degli espostidell’Annunziata – ha spiegato l’ex caschetto d’oro – ma, per motivi anagrafici, visto che quest’anno ho festeggiato i miei sessant’anni, ho deciso che sarà l’ultima volta che lo porto in scena».

Questa commedia in tre atti debuttò il 16 dicembre 1932 al teatro Piccinni di Bari. L’autore interpretava il ruolo di ‘Ntonio, mentre la sorella Luisella quello di ‘Nnarella, la futura suocera dello scugnizzo. L’anno seguente lo spettacolo fu rappresentato prima al teatro Fiorentini di Napoli e poi a Milano. Del 1938 la riduzione cinematografica con la sceneggiatura di Gherardo Gherardi, la regia di Gennaro Righelli, sempre con Viviani nel ruolo del protagonista. Nel 1957 L’ultimo scugnizzo fu riproposto a teatro da Nino Taranto, con la regia di Vittorio Viviani. Da allora è stato più volte rappresentato nei teatri italiani.

Due i temi, peraltro tipicamente vivianei, che caratterizzano questa commedia: la miseria e l'emarginazione. «‘Ntonio vuole cambiare vita, desidera abbandonare il suo passato precario, è deciso a superarlo, ma non a rifiutarlo; tenta di procacciarsi un lavoro onesto per vivere dignitosamente e per offrire al figlio, che sta per nascere, una famiglia e un’esistenza felice – spiega la storica del teatro Nunzia Acanfora –. Ma l’annuncio della morte del nascituro recide il filo della speranza e della rinascita di ‘Ntonio, che, nonostante si sforzi di inserirsi nel mondo del lavoro, comprende di essere diverso dagli altri e ricade nel suo ruolo di emarginato senza alcuna speranza di cambiamento: ecco che i concetti di scugnizzo, di emarginato e di povero si identificano».

In effetti questi temi e quello dell’infanzia difficile trovano proprio nell’area su cui insiste il Trianon Viviani un luogo rilevante della storia sociale della città: non solo per la real casa dell’Annunziata, con la famosa ruota, per l’accoglienza e l’assistenza dei neonati abbandonati, ma anche per due monasteri, non più esistenti, dedicati alle donne “traviate”: santa Maria Egiziaca all’Olmo, poi trasformato nell’ospedale cardinale Alessio Ascalesi, e Maddalena, che ha dato il nome al quartiere.

Rumba degli scugnizzi nel secondo atto, unica musica prevista nella pièce. Per il musicologo Pasquale Scialò è «tra i brani più significativi e noti ideati da Viviani» e «rappresenta una sorta di manifesto sonoro della concezione compositiva dell’autore, sempre attento a cogliere diverse pratiche musicali, contemplando tanto quelle tratte dalla autentica tradizione popolare, le “voci” dei venditori ambulanti, quanto quelle legate alla “musica d’uso” e di importazione, come la rumba».

Con Nino D’Angelo, in scena AntoineSalvatore BenitozziTonia CarboneVittorio CiorcaloMarcello CozzolinoAntonio De FrancescoTiziana De GiacomoSonia De Rosa,Raffaele EspositoLaura LazzariMarianna LiguoriMatteo MaurielloGennaro MontiGina PernaMena Steffen e Maria Rosaria Virgili.

I costumi sono firmati da Mariagrazia Nicotra e i movimenti coreografici da Enzo Castaldo, con la consulenza musicale di Ciro Cascino e le foto di scena di Fabio Donato.

 

 

La rumba degli scugnizzi

La rumba degli scugnizzi, unica musica prevista in questo lavoro, è tra i brani più significativi e noti ideati da Viviani. Esso rappresenta una sorta di manifesto sonoro della concezione compositiva dell’autore, sempre attento a cogliere diverse pratiche musicali, contemplando tanto quelle tratte dalla autentica tradizione popolare, le «voci» dei venditori ambulanti, quanto quelle legate alla «musica d’uso» e d’importazione, la rumba. […]

La rumba degli scugnizzi, cantata da ‘Ntonio e Assunta con interventi dei presenti, è costruita su di un principio compositivo che procede per successive accumulazioni. Il brano […] è inserito nel secondo atto del lavoro ambientato in esterni, che inizia con uno scugnizzo lacero che suona lo «zerri zerro», ossia una raganella giocattolo, idiofono molto rumoroso e assordante. Il vicolo lentamente si anima con l’arrivo degli ex-scugnizzi, amici di ‘Ntonio, che, dopo aver ricordato tutte le loro scorribande giovanili, accompagnate da fantasiosi sberleffi sonori («… ‘E bbotte cu ‘e piede… ‘O contrabbasso cu ‘o dito… ‘A gassosa cu ‘a vocca… ‘A museca giapponese sott’‘o vraccio…»), iniziano a eseguire il canto.

Il testo della Rumba degli scugnizzi, nella versione teatrale che pubblichiamo, è continuamente spezzato, tanto da creare una sorta di interruzione del verso, a favore di una concezione esecutiva di tipo strumentale: Assunta – «Chesta è ‘a rumba…» / ‘Ntonio – «… d’‘e scugnizze ca s’abballa a tutte pizze». Lentamente il brano si anima sempre di più con l’intervento del coro e poi con continue alternanze tra canto e parlato ritmico. L’autore però, proprio quando la scansione comincia a diventare più serrata, la interrompe di nuovo con una decisa fermata, per dare spazio a una improvvisa sortita teatrale di ‘Ntonio («Chella bella mamma d’‘o Carmene v’‘o pava! Nun m’‘o pozzo fatica’!): a questo punto la composizione riprende un ritmo pirotecnico fino alla conclusione.

La rumba degli scugnizzi, inoltre, rappresenta una sorta di definizione del concetto di sintesi: enuncia innumerevoli «voci» di venditori ambulanti, sintetizza in pochi minuti un viaggio musicale, prima monodico poi polifonico; si pone come sintesi tra la nostalgia del passato e la consapevolezza del presente, mediante l’uso di un ritmo musicale d’importazione: la rumba, di cui però ne ridicolizza l’estraneità culturale utilizzando piccole cellule sonore («cic cic cic ci») che simulano il suono di uno strumento a percussione latino-americano: le maracas, e, nello stesso tempo, sottolineano l’uso esasperato delle onomatopee futuriste… Le «voci» nel brano entrano ora a canone ora invece con sovrapposizioni di moduli ritmici differenti: vero e proprio saggio di «polifonia stradale», a metà tra il canto, pratiche semintonate e parlato ritmico.

Pasquale Scialò

 

La rumba degli scugnizzi

da Raffaele VivianiPoesie, Guida editori

per gentile concessione degli eredi dell’autore e dell’editore

Chesta è ‘a rumba d’‘e scugnizze

ca s’abballa a tutte pizze.

Truove ‘e ddame ‘mpizze ‘mpizze,

ca te fanno duje carizze.

Si te fa passa’ ‘e vernizze,

strette ‘e mmane, vase e frizze,

pruove gusto e te nce avvizze,

chiù te sfriene e chiù t’appizze.

Comme a tanta pire nizze

te ne scinne a sghizze a sghizze

fino a quanno nun scapizze.

Chesta è ‘a rumba d’‘e scugnizze.

‘O rilorgio, mo’ capisco

pecché ‘o cerco e nun ‘o trovo,

steva appiso, è ghiuto ô frisco:

nc’è rimasto sulo ‘o chiuovo.

‘O chiuovo j’ tengo...

Cic cic cic cì...

Belle ‘e ‘ammere!

Cic cic cic cì...

Scarola riccia p’‘a ‘nzalata.

Cicche cicche cicche cì...

Fenocchie!

Cic cic cic cì...

‘O spassatiempo!

Cic cic cic cì...

Capillo’!

Cic cic cic cì...

Mo’ t’‘e coglio e mo’ t’‘e vengo!

Cic cic cic cì...

Gue’, l’aglio!

Chesta è ‘a rumba d’‘e scugnizze

Assettateve, assettateve!

ca s’abballa a tutte pizze.

‘O quadrillo e ‘a figurella!

Truove ‘e ddame ‘mpizze ‘mpizze

'O mastrillo e 'a grattacasa!

ca te fanno duje carizze.

Quanto è bell’‘o battilocchio!

Pruove gusto e te nce avvizze,

Pe chi tene ‘a moglie pazza!

chiù te sfriene e chiù t’appizze.

Quatto sorde ‘o fenucchietto!

Comme a tante pire nizze

te ne scinne a sghizze a sghizze

fino a quanno nun scapizze.

Chesta è ‘a rumba d’‘e scugnizze.

Puparuole e aulive.

Magnateve ‘o cocco! Magnateve ‘o cocco!

Roba vecchia!

Pallune p’‘allesse! Pallune p’‘allesse!

‘E mellune chine 'e fuoco!

Na bona marenna! Na bona marenna!

Cotogne!

Gelati! Gelati! Gelati! Gelati!

Concia tielle...

‘A pizza cu alice! ‘A pizza cu alice!

Furno ‘e campagna!

‘E lazze p’‘e scarpe! ‘E lazze p’‘e scarpe!

D’‘o ciardino tutte secche!

‘A capa d’‘o purpo! ‘A capa d’‘o purpo!

‘O Roma!

Chella bella mamma d’‘o Carmene v’‘o pava!

Nun m’‘o pozzo fatica’!

È bellella ‘a paparella!

Accatteteve 'e piatte!

Seje tuvaglie cinche lire!

N’ata pianta p’‘o salotto!

Nocelline americane!

Tengo ‘o grano p’‘a pastiera!

Pacchiane’, chi s’‘o penzava?

tiene chisto campo ‘e fave!

Cicchignacco ‘int’‘a butteglia!

‘O zi’ monaco ‘mbriacone!

‘O veleno p’‘e scarrafune!

‘A dummeneca addo’ t’‘a faje?

Comme a tante pire nizze

te ne scinne a sghizze a sghizze

fino a quanno nun scapizze.

Chesta è ‘a rumba d’‘e scugnizze.

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 10 Gennaio 2018 16:41