Mercoledì 15 Agosto 2018
REGISTER
Forcella in scena al Trianon. A gennaio il quartiere protagonista della nuova sceneggiatura di Nino D'Angelo diretta da Abel Ferrara PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Elena Petruccelli   
Mercoledì 20 Dicembre 2017 23:27

La terza vita del Trianon riparte da Forcella. Ricomincia da tre, dopo il 2006 e il 2016, questa volta si decide di rendere protagonista il quartiere e i suoi abitanti che daranno vita a quella che si presenta come l'opera più bella messa in scena nel teatro del popolo. L'idea del direttore Nino D'Angelo, una Romeo e Giulietta contemporanea, sarà diretta da Abel Ferrara, regista statunitense di origini campane, il nonno infatti era di Sarno.

 

Ferrara si definisce come un regista di strada, una vocazione che troverà humus in laboratori finalizzati a cercare nuovi attori tra la gente, il popolo di Forcella. Nasce così 'Forcella Strit' e tra i sogni del direttore artistico Nino D'Angelo, c'è proprio  quello di realizzare una compagnia di Forcella. <<Il Trianon è un teatro che soffrirà sempre -commenta D'Angelo-perché è tenuto in vita da uomini che credono nella valorizzazione dei territori difficili, partendo dal patrimonio culturale che possono offrire>>. 


Il Trianon, 'la casa di Raffaele Viviani', già dal 2018 otterrà il ruolo di centro di produzione. Questo riconoscimento ministeriale consentirà lo sbocco di nuovi fondi, a sostegno del progetto di riqualificazione del quartiere a partire dal suo teatro. 


A Natale fino al 7 gennaio è in calendario  l'Ultimo Scugnizzo, che diventa un'opportunità unica per gli appassionati di Viviani, perché resterà l'unica occasione di rivedere la storia di Antonio Esposito interpretata da Nino D'Angelo, che ha annunciato di non metterlo più in scena, allo scoccare del sessantesimo compleanno.

 

 

ferrara1.jpg

Ultimo aggiornamento Giovedì 21 Dicembre 2017 00:01