Giovedì 29 Giugno 2017
REGISTER
Cardito, al via il convegno sul centenario della nascita di Aldo Moro PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Antonio Parrella   
Venerdì 17 Marzo 2017 15:47

CARDITO. Fari puntati sul centenario della nascita del Presidente Aldo Moro (politico, accademico e giurista, nominato per ben 5 volte Presidente del Consiglio dei Ministri e presidente del Consiglio nazionale della Democrazia Cristiana). E così sabato 18 marzo (ore 17,30), presso il suggestivo scenario di Palazzo Mastrilli, nella sala consiliare Avv. Francesco Narciso, si terrà un interessante convegno sullo statista ammazzato dalle brigate rosse nel 1978. Al forum, messo a punto da Luigi Pezzella (nella foto), giovane filosofo e storico, saggista e studioso di Filosofia politica e di storia dei movimenti e dei partiti politici (Università degli Studi Federico II di Napoli, dipartimento di Studi Umanistici), parteciperanno tra gli altri valenti docenti tra cui Giuseppe Acocella (ordinario di Filosofia del diritto e di etica sociale presso il dipartimento di Scienze politiche dell'Università di Napoli Federico II), Alessandro Arienzo (professore associato di Storia delle dottrine politiche presso il dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Napoli, Federico II) e Gennaro Salzano (dottore di ricerca in Scienza politica e docente a contrato di Sociologia Politica).

 

Ospite d'eccezione sarà il senatore Miguel Gotor (senatore della Repubblica italiana, docente universitario presso l'Università degli studi di Torino) curatore delle lettere e del Memoriale di Aldo Moro durante gli anni della prigionia. I lavori del convegno saranno moderati dalla redazione di Pensiero Libero, da Sossio Barra e Pasquale Orefice. Prima dell'inizio della manifestazione gli alunni della classe di strumento musicale dell'Istituto comprensivo Marco Polo - Galileo Galilei assieme al coro della Casa del fanciullo curati dai Maestri di strumento (Proff. Ciro Palmieri, Luigi Romanucc e Rossella Amato) eseguiranno l'inno di Mameli. Il brano sarà diretto dal professore-maestro Carmine Russo.

 

"Il tema - spiega il filosofo Pezzella - nasce dall'esigenza di ricordare non solo quelli che furono gli eventi politici che contraddissero la sua prassi ideologica, ma anche per ricordare quella che fu davvero la sua vera vocazione alla vita politica, improntata a custodire la dignità di ogni singolo uomo, guardando, da vero statista, ad un mondo in continuo mutamento. Colgo l'occasione per ringraziare l'intera amministrazione comunale e il sindaco, Giuseppe Cirillo, per la grande sensibilità e disponibilità dimostrata per la realizzazione dell'evento".

 

 

 

luigi pezzella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Marzo 2017 21:48