Martedì 24 Ottobre 2017
REGISTER
Polizia irrompe nella sede ANM PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Elena Petruccelli   
Mercoledì 22 Febbraio 2017 19:26
NAPOLI - Questa mattina è stato istituito, presso la sala riunioni dell'ANM a Fuorigrotta, un tavolo unitario indetto dalle organizzazioni sindacali USB Lavoro Privato e FAST mobilità.
 
All'ordine del giorno ci sono tematiche come la decisione di differenziare l'orario del tavolo delle compagini sindacali. Un momento delicato per l'azienda di trasporto partenopea, spiegano i rappresentanti sindacali, perché servirebbe un netto taglio alle logiche clientelari al fine di non vanificare gli sforzi messi in atto dall’amministrazione comunale per il risanamento del bilancio e per il mantenimento pubblico dell’azienda. 
 
Mentre aveva luogo la riunione irrompono gli agenti, commentano le sigle sindacali: "L'irruzione delle forze dell'ordine all'interno dei locali aziendali non è stato altro che un vile tentativo, da parte dell'azienda, di provocare i sindacalisti e di far salire la tensione. Siamo stanchi di subire l'imposizione di regole interne, subdole e velatamente antisindacali. La situazione in Anm è drammatica, sarebbe necessario un serio rinnovamento del management e maggiore trasparenza".
 
 
"Abbiamo chiesto chiarimenti alla dirigenza dell'Anm sugli incontri, separati, che l'azienda sta portando avanti e invece di una risposta è arrivata la Polizia, che ha identificato i sindacalisti". Lo dice Vincenzo De Vincenzo, dell'esecutivo nazionale dell'Usb, secondo il quale, nell'Azienda Napoletana Mobilità, "è in atto un vero e proprio decadimento nelle relazioni industriali. Non viene rispettata alcuna regola - ribadisce - tesa a garantire le pari opportunità e dignità al tavolo delle trattative".