Giovedì 21 Novembre 2019
REGISTER
“DIRITTI.... AL CENTRO” , iniziativa del Centro Ricreativo Culturale (CRC) e di Amnesty International PDF Stampa E-mail
Scritto da Micio Fausto   
Sabato 02 Marzo 2013 15:15

PONTECORVO(FR) - Sabato 2 marzo, alle ore 16.30,  presso la biblioteca comunale di Pontecorvo (FR) si terrà l'iniziativa “DIRITTI.... AL CENTRO” organizzata dal Centro Ricreativo Culturale,  nella persona della responsabile Grazia Ruscito,  e del gruppo Amnesty International di Formia.

Sarà l'occasione per raccontare ai presenti il ruolo di una delle più note organizzazioni non governativa internazionale,  impegnata dal 1961 nella difesa dei diritti umani sanciti nella Dichiarazione universale dei diritti umani.

In particolare svolge ricerche e azioni per prevenire e far cessare gravi abusi dei diritti all'integrità fisica e mentale, alla libertà di coscienza e di espressione e alla libertà dalla discriminazione, nell'ambito della propria opera di promozione di tutti i diritti umani.


Saranno presenti all'iniziativa Pasquale De Francesco,  referente formazione della Circoscrizione Lazio,  e Luisa Pepe,  responsabile campagne sempre della Circoscrizione Lazio.

Pasquale De Francesco spiegherà come la formazione dei propri attivisti e delle proprie attiviste è un punto fondamentale delle attività di Amnesty International dal momento che permette a chi conosce poco le sue attività di entrare in contatto a piccoli passi con il mondo amnistiano e, a chi è già sostenitore, di continuare a formarsi e ad approfondire le tematiche legate alla situazione dei diritti umani nel mondo  e a tutti gli aspetti organizzativi e promozionali dell’associazione.

Luisa Pepe,  invece,  descriverà quelle che sono le modalità con le quali opera Amnesty International, parlerà cioè delle campagne internazionali e nazionali su paese o su tema che la stessa volge e che coinvolgono a tutti i livelli il movimento e prevedono l'utilizzo delle più diverse tecniche per la sensibilizzazione dell'opinione pubblica e la pressione verso i governi violatori:  invio di appelli e di azioni urgenti, contatti con le ambasciate,  organizzazione di eventi pubblici,  attività di lobby presso i governi e le organizzazioni internazionali.

Una delle ultime in ordine di tempo è la campagna “Io pretendo dignità”,  con la quale si intende porre i diritti umani al centro della lotta contro la povertà,  perché proteggere i diritti di chi vive in povertà non è solo un'opzione:  è un elemento essenziale di qualunque soluzione.


Per ottenere un cambiamento profondo, occorre intervenire in tre aree che finora hanno impedito progressi nella lotta alla povertà: Responsabilità dei governi, delle imprese e delle istituzioni finanziarie internazionali;

Accesso ai diritti e ai servizi essenziali per la dignità umana senza discriminazione;  

Partecipazione attiva delle persone che vivono in povertà e dei loro rappresentanti alla lotta contro la povertà.

Ad esempio nel mese di Novembre dello scorso anno gli attivisti e le attiviste sono stati impegnati  con una campagna rivolta  agli azionisti dell'Eni, per sensibilizzarli sulle violazioni dei diritti umani di cui le compagnie petrolifere presenti in Nigeria, in particolare nel delta del Niger, si rendono responsabili.


Le attiviste e gli attivisti distribuiranno materiale informativo sulla situazione nella zona,  in particolare presenteranno alcuni aggiornamenti rispetto ai dati forniti lo scorso anno,  in occasione della precedente assemblea,  rendendo visibile e tangibile la tragedia dell'inquinamento nella vita quotidiana dei nigeriani.